Il punto di non ritorno

Non parlerò del ragazzo massacrato di botte, o delle famiglie degli assassini che li giustificano con “era solo un immigrato”. No, non ci riesco. Però voglio fare una triste considerazione. È una mia sensazione, niente di più, e forse frutto di tanta amarezza e di un presente che sognavo diverso.

Credo sia il punto di non ritorno. Lo abbiamo raggiunto, sì. E sapete come l’ho capito? Leggendo tra le notizie che della gente ha scambiato Kanye West per un migrante, lo ha accusato di vagabondare nel nostro paese, e ha insultato la cantante Emma Marrone per avergli offerto la cena. Questo è il punto di non ritorno. Il momento in cui si smette di pensare. Il giorno in cui il diverso torna a fare paura. È bastato vedere un uomo di colore, senza domandarsi chi fosse, per classificarlo come “migrante affamato”. Poteva essere chiunque. Poteva esserlo davvero. E solo per questo c’è chi si sente legittimato a odiare, a insultare, alcuni a picchiare, magari a uccidere. Senza sapere nemmeno il suo nome. Così, solo perchè è una persona di colore, solo perchè questa è la sua presunta colpa. Come avveniva un secolo fa. E se la storia dovrebbe insegnarci qualcosa, forse possiamo concludere che non abbiamo mai imparato a vivere.

Poi si è scoperto che si trattava di Kenye West. Un uomo di colore, sì, ma ricco. E allora la gente ha chiesto scusa.

Tutto questo mi spaventa.

12 pensieri su “Il punto di non ritorno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.