Oscar Wilde

“Il vizio peggiore è la superficialità”
(Oscar Wilde)

Ma cos’è la superficialità?
In altri casi direi “Cerchiamo sul vocabolario”. Oggi no. Oggi voglio rispondere ad Oscar Wilde solo con la mia valigia di conoscenza.
Cos’è la superficialità?
Evidentemente Oscar Wilde lo sapeva bene, e anche se io non sono nella sua mente, ho una mia idea a riguardo, che proverò ad esprimere.
Essere superficiali è non voler approfondire, non andare a fondo nelle cose, non volerne conoscere il vero valore. Spesso molte persone non si rendono nemmeno conto dell’importanza e della bellezza di certi valori nascosti, e se per scovarli è richiesta fatica o un minimo d’impegno, allora chissenefrega. Ormai i beni più importanti sono diventati quelli materiali, quelli tangibili, con un’altezza e un volume, ed è ormai comune definire tutto ciò cosa “normale”. Metto quest’ultima parola tra virgolette perchè la superficialità non potrà mai essere una cosa normale. Certo, potrà essere diffusa, quotidiana, ma mai normale. Può essere considerata tale, ma sarebbe uno sbaglio. Io concordo in pieno con Oscar Wilde, e spiegarne il motivo è semplice: la superficialità rende apatici, disinteressati ai veri valori, quali l’amicizia, l’amore, tanto che diventa difficile persino riconoscerli, e, di conseguenza conservarli. Per una persona superficiale un amico è come “scontato”, “ovvio”, e come tale non richiede impegno o interesse. La conseguenza di tutto questo? Pian piano l’amico si allontanerà, fino a quando quella persona che credeva di avere tutto, di essere “ovviamente” felice, non si renderà conto di aver perso una delle cose più preziose ed importanti della vita. Se ne renderà conto, perchè non sono i soldi o una bella casa a fare di una persona una persona “ovviamente” realizzata e felice.
Oscar Wilde definisce la superficialità un vizio. Soprattutto in un mondo dove la tecnologia, le novità, i soldi, affascinano le persone come la calamita attrae il ferro, distinguersi dalla massa è una vera e propria impresa, “eroica” potremmo dire. E la parola “vizio” rende l’idea. Una volta “entrati nel giro”, una volta entrati in quel mondo di disinteresse, uscirne è difficile. Il vizio del fumo, il vizio dell’alcol, il vizio del gioco… Il vizio della superficialità possiamo inserirlo tra questi. Ed è forse quello peggiore, come appunto afferma Oscar Wilde. La superficialità appare innocua, e anzi, a volte sembra così scontata da diventare invisibile. Il mondo che vive dietro di essa è intrigante e attraente, non presenta particolari problemi o difficoltà, e alle persone questo piace. E anche se ciò vorrebbe dire sacrificare i valori REALMENTE intriganti e attraenti, di quelli che provocano emozioni, quelli per cui bisogna lottare, ma che poi ti fanno vivere come in un sogno, comunque per loro “più semplice” vuol dire “più bello”, e allora il sacrificio si può fare. Ma quale vantaggio si ricava da tutto questo? Oscar Wilde non ce lo dice. E fa bene. Bisogna sapere riconoscere le conseguenze delle proprie scelte. Insomma, la “non-superficialità”, chiamiamola così, è complessa da raggiungere, e resistere alle tentazioni ancor di più, ma la bellezza dell’amicizia e dell’amore è davvero impagabile. E in fondo è proprio questo che ci vuol dire Oscar Wilde: se basta un minimo di impegno, di forza di volontà, solo un piccolo sforzo per uscire dall’anonimato della massa, allora quel piccolo sforzo facciamolo, perchè niente vale come l’emozione di un rapporto speciale. E anche se questo ci sembra diverso dalla nostra quotidianità, non è detto che non sia migliore. Basta solo un po’ di coraggio per provarci. E tutti sono in grado di trovarlo. Solo, bisogna volerlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.