Apro il mio diario #21

E’ strano temere di aprirsi completamente agli altri, perché a volte vorrei farlo, vorrei che certe persone mi leggessero dentro come si legge un libro, ma ho paura, paura di diventare prevedibile, paura di non piacere del tutto, paura di non poter più fingere. Sono tante le cose che tengo per me, che proteggo dagli…

Apro il mio diario #20

E poi ti accorgi che sogni spesso quella stessa persona, leggi per caso che forse vuol dire che ti manca, e realizzi che sì, pensandoci bene, non sei mai stata davvero felice senza di lei. E ti manca anche se insieme non facevate niente di speciale, ti manca semplicemente perché c’era, e se aveva bisogno…

Apro il mio diario #19

La pazienza non la si recupera con il tempo, con la lontananza, con il silenzio, non si guadagna il perdono cercando di dimenticare ciò che è stato, perché si rompe sempre qualcosa, ogni volta, nel profondo dell’animo. Forse viene a mancare la spontaneità, la totale apertura verso l’altro, che ha permesso di costruire un tal…

Apro il mio diario #18

Alla fine ci ho pensato, e ho scelto l’oggi. Ho scelto di viverlo, ho scelto di sfruttarlo, ho deciso di considerare quella moltitudine di ultime occasioni che non torneranno mai più, di afferrarle con la mano e piantarle, per far nascere un ricordo da curare ogni giorno. Ho scelto di bruciare le mie paure, anche…

Apro il mio diario #17

Si parlava, dell’incoerenza, degli errori così incompatibili con le persone, ci si chiedeva come, perché rovinarsi la vita, scivolare nelle pozze più profonde dopo aver attraversato fiumi ed oceani? Io non lo so. Perché vedo intelligenza e poi scelte sbagliate, vedo persone meravigliose, sensibili, e poi comportamenti così egoisti o distruttivi. Mi chiedo come possano…

Apro il mio diario #16

Difficile ammettere di essere felici, quando è bastato poco, pochissimo a descrivere una bella serata. Vanno tutti alla ricerca dello sfarzo, delle enormi compagnie, delle esperienze più estreme, ed è difficile ammettere che una semplice serata, con due amiche ed uno spumante, ecco, sia stata a modo suo indimenticabile. Forse perché la semplicità non sembra…

Apro il mio diario #15

A volte sentiamo l’estrema necessità di fare quello che fanno tutti, di lasciarci trascinare dalla folla omogenea al centro della piazza, forse per non sentirci troppo diversi, troppo lontani dal mondo dominante, o forse per il gusto di sentirsi per una volta parte del gruppo. Sentiamo il bisogno di seguire le convenzioni, i doveri che…

Apro il mio diario #14

E sono in dubbio se scriverti o non scriverti, perché non so se vorrai ricevere un mio messaggio, non so se t’importa di sapere che ci sono. Non so se scriverti quelle semplici due parole per dirti che ti penso spesso, perché so che cosa risponderai, se risponderai. Ma se non ti scrivo, mi sento…

Apro il mio diario #13

Sono una sognatrice, nel senso che vorrei ci fosse la pace, sempre, dovunque. E mi rendo conto che ogni battaglia aiuta a crescere, e forse non saremmo qui se le guerre non fossero esistite, se non avessero portato ad un certo tipo di scelte, ma quando volano i coltelli ho sempre paura che possano colpire…

Apro il mio diario #12

Lo so che bisogna osare, lo so che non ha senso temere un futuro che non si conosce, so anche che un quaderno, una storia, non si possono interrompere prima di un punto e a capo. Ma a volte ci sono le circostanze, e quelle ti costringono contro un gelido muro, con una punta di…

Apro il mio diario #11

Le sole persone in grado di deluderci sono quelle a cui teniamo, l’oggetto delle nostre aspettative, perché le vorremmo sempre più grandi e più forti, sempre all’altezza, oltre l’impossibile. E ci deludono, silenziosamente, anche con una parola sola, è come se ci dicessero che ci sbagliamo, che abbiamo sempre visto male, guardato la pagina sbagliata….

Apro il mio diario #10

Mi specchio nel muro bianco Su cui rimbalzano i pensieri E’ come un film già visto Il ticchettio dell’orologio E tutto il resto è silenzio