Covid – Cinque giorni di quarantena

Al quinto giorno sono concessi segni di cedimento? Tipo pianti disperati guardando dei ragazzini giocare a pallone? Sarà che gli esami online ancora mi pesano, e l’ultimo di tutta la vita avrei voluto viverlo là, insieme agli altri, in quell’aula che non rivedrò mai. Oggi va così, 500 grammi di malinconia e 250 grammi di pessimismo, aggiungi un cucchiaio di calura estiva e un pizzico di crisi di governo, e hai ottenuto il mio umore! Mi sento un po’ come nei film, quando un tizio si affaccia alla finestra e parte il sottofondo di violino. Io c’ho il sottofondo delle cicale, ma ci accontentiamo, dai. (Tranne durante l’esame, lì ho avuto la piacevole compagnia di un trapano, ma non mi aspettavo niente di diverso). Ieri, da povera illusa per la mia assenza di sintomi, ho fatto un tampone a casa. Inutile dire che mi ha riso in faccia com quel ghigno a due linee, ma dove pensi di andare?! Eh. Dove penso di andare. Mi andrebbe bene anche scendere a ritirare la posta. Invece mi sono ritrovata a prendere il sole in costume sul mio tappeto, davanti alla finestra, in corrispondenza di un rettangolo di luce.

Segni di pazzia, dite? In tutto questo, inspiegabilmente, i miei dieci e passa contatti si godono la vita, senza un solo sintomo che faccia temere la presenza del Covinfame. Ed io li guardo, da quattro mura che tra un po’ ridipingo col pennarello per sfogare l’esaurimento. Invidio profondamente chi vive queste situazioni con una calma zen: io non ci riesco. Io non faccio yoga, io sono un pugile incarognito che vuole abbattere la porta. Mi spiego?

14 pensieri su “Covid – Cinque giorni di quarantena

  1. Ma almeno l’esame è andato bene?
    Pensavo a quel rumore di trapano. Tu che vuoi dipingere col pennarello nero le pareti della stanza e dall’altra parte qualcuno, magari come te sotto covid, è già passato all’artiglieria forte.
    Ti lascio 100 grammi di sorrisi per allontanare lo sbrocco da isolamento forzato 😄

  2. posso solo immaginare come ti puoi sentire, poi sai che c’è, alla tua età tutto questo viene visto in maniera ancora più devastante. Tipo io ho vissuto il lockdown del 2020 in età ormai matura, quindi alla fine mi guardavo un po’ di tv, leggevo, ascoltavo musica, portavo avanti il blog, e tutto era abbastanza normale, ma se avessi vissuto questa situazione a 20 anni, quando ero sempre fuori casa e in discoteca ogni sera, mi sarebbe sembrato anche a me d’impazzire. Alla tua età stare in casa non è normale, ma purtroppo questo covid ci porta a vivere anche queste situazioni assurde. Ad ogni modo ormai sei alla fine, finirai il 7° giorno, giusto? 👍
    Pensa a qualche bel viaggio da fare il prossimo mese, così ti distrai un po’. Anche guardare programmi di viaggio è utile, spero almeno tu abbia la tv nella tua stanza di reclusione 🙄
    Un caro abbraccio, coraggio 🤗🤗🤗😉

    • Beh non sono in molti a capire questo punto di vista, anzi, quante volte viene detto “tu sei giovane, hai tutta la vita davanti, recupererai”, quindi già grazie del pensiero 😊 spero di finire con il settimo giorno, ma a non tutti capita.. Non ho la tv, però ho il computer che fa le sue veci 😅

  3. Hai tutto il diritto di “andare fuori di testa” e di sognare di abbattere la porta a suon di pugilato! Concordo in pieno con Maxilpoeta, se alla tua età avessi vissuto il lockdown o una quarantena, sarei andata sicuro in depressione e mi sarei sentita defraudata di… di tutto! Comunque: tieni duro, tornerai negativa e potrai goderti questo bel caldino infernale anche fuori casa. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.