Buon rientro, ti ho detto

Anziché tornare a casa, mi sono seduta sui gradini della piazza, a pensare. Pensavo che in fondo non è giusto. Che per quei pochi minuti con te, colleziono pugni di silenzi e parole non dette. Pensavo che avrei voluto giocare anch’io, ma altre venti persone lo facevano al posto mio. Pensavo che non era questo che volevo mostrarti di me. Che se potessi, cancellerei tutto e lo riscriverei da zero. E mi chiedevo se tu magari lo avessi capito, se ti fossi chiesta cosa ci facessi lì. No, è impossibile. Perché il massimo che ti ho detto è stata una battuta per scherzare. Ma so che in realtà era una scelta già scritta. Pensavo solo che avrei voluto viverla diversamente. O chiederti scusa se non riesco a dirti quello che penso davvero.

9 pensieri su “Buon rientro, ti ho detto

  1. Io non sarei così certo che siamo sempre in grado di esprimere il nostro mondo interiore: forse basterebbe guardarsi negli occhi più spesso, assorbire certi silenzi, afferrare d’intuito certi gesti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.