Malumore

Ma non notate anche voi questo malumore diffuso? Io sono di malumore. I miei genitori sono di malumore Le amiche sono di malumore. Siamo stanchi, esausti. Scappiamo dalle notizie, ma le locandine dei giornalai ci gridano alle spalle: RISCHIO SESTA ONDATA DI COVID IN ESTATE. MINACCIA NUCLEARE DELLA RUSSIA SE LA GUERRA SI PROTRAE. È davvero così facile? Basta un titolo per farci investire dal malumore? Forse perché ormai non ci scivolano nemmeno addosso. Siamo lì, in piedi, a prenderceli in faccia mentre pianifichiamo la vita. “Non se ne può più”, lo dico io, lo diciamo tutti. Siamo andati avanti per inerzia mentre il mondo sembrava crollare, ma cos’è cambiato?, sembra soltanto un nuovo livello dello stesso videogioco. Ridiamo di meno, e sfido chiunque a negarlo. Un mio professore l’altro giorno ha detto: “È dalle crisi che nascono le migliori opportunità”. Retorica. Io non ci credo più. Da una pandemia è nata soltanto una guerra e un Paese incazzato nero. Bella opportunità. E so di essere anch’io fonte e vittima del malumore, so che non è il miglior modo per reagire, ma buttarmi tra poche righe per gridare i miei pensieri è il solo modo che conosco per continuare a correre. Scusatemi, se vi lascio soltanto del malumore. Tornerà l’ironia, magari domani, quando per non leggere le locandine dei giornalai cambierò lato della strada.

20 pensieri su “Malumore

  1. Hai ragione, il malumore è generalizzato, soprattutto per la gente comune. Anche evitando di seguire i media, come dici tu, le brutte notizie ti aggredisco mentre cammini per strada.

  2. tutto sta a quanto ci lasciamo coinvolgere dagli eventi, io cerco sempre di ritagliarmi il mio angolo di mondo, e nel mio piccolo la vita non mi è cambiata molto, riesco sempre a scherzare e sorridere e vedere i lati belli della vita di ogni giorno..😉👍👍

  3. Credo che nell’antichità o nel medioevo, la vita fosse un po’ così. Nel senso che ci si svegliava la mattina e tra le cose più probabili vi erano le pandemie, le razzie dei barbari o le invasioni nemiche. Il benessere, figlio della democrazia, l’unica cosa che abbiamo conosciuto noi baby boomer, figli dei baby boomer e nipoti dei baby boomer è in questo momento vacilla e con lui le nostre certezze di ieri.

    • È che forse ci si dimentica di quanto non fosse scontato, e chi ha goduto di quegli anni poi non è del tutto riuscito a proteggerli.. almeno dal punto di vista di una appartenente alla generazione Z, che ha vissuto l’11 settembre, la crisi del 2008, la pandemia e ora questo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.