Brevi riflessioni pensando all’Ucraina

Da due giorni ci svegliamo in un mondo diverso.

Improvvisamente tutto sembra quasi insignificante. I problemi quotidiani, il traffico della mattina, la fila alle Poste, il collega antipatico, scompaiono sotto il peso di una tragedia.

E così tutto assume sempre più valore, perché abbiamo capito che niente sarà mai davvero scontato. Non la pace, la libertà, la felicità. Non il futuro.

Nemmeno un giorno della nostra vita in un mondo che gioca alla guerra.

E senza ragione, con il cuore gonfio di pena, ti viene solo da chiedere scusa, anche se la colpa non è la tua.

Ma fai colazione e ascolti la radio, mentre figuri le bombe sopra un cielo primaverile, ringrazi per quell’ennesimo giorno normale, e con la paura in tasca raggiungi la vita.

Anche questo non è scontato.

C’è chi l’ha perso in una notte.

5 pensieri su “Brevi riflessioni pensando all’Ucraina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.