Un anno dopo

Esattamente un anno fa, il primo giorno di marzo 2020, un Dpcm introduceva le prime misure restrittive per l’Emilia Romagna.

Oggi, un anno dopo, il secondo giorno di marzo 2021, Bologna viene dichiarata zona rossa.

È come tornare al punto di partenza e dover ricominciare, ma questa volta non abbiamo più le forze di cantare.

12 pensieri su “Un anno dopo

  1. Ce l’avevamo quasi fatta… e poi abbiamo distrutto tutto, perché la gatta presciolosa fece i gattini ciechi e il medico pietoso fa la piagapurulenta: non ci siamo fatti mancare niente. 😥

  2. Quest’anno cantiamo lo stesso, ma tipo i pazzi.
    (io mi esalto alla mia scrivania, ma per la gente intorno a me, che non può fare manco le cose innocue, tipo una passeggiata lontano in solitaria, mi dispiace lo stesso)

    • E intanto chissà quante varianti stanno circolando, qui a Bologna l’esplosione dei casi non può essere solo a causa degli assembramenti, non a questi livelli…

  3. quello che mi stupisce però è che, contrariamente al solito, non è un problema italiano ma mondiale.. poi ovvio, anche qui, c’è chi è messo meglio e chi peggio… però ecco… qualcosa non mi torna…

    • Però noi siamo stati avvertiti ormai 3 mesi fa, il fatto che non si sia riuscito a prevenire niente significa che qualcuno, o più di uno, una responsabilità ce l’ha..

Rispondi a Ehipenny Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.