Viaggio a Ischia attraverso immagini – Parte cinque

View this post on Instagram

– Nasconditi, e non farti trovare! – Ma come faccio? Non ci sono rifugi, caverne, fessure in cui infilarsi, non c'è un luogo in ombra, una foglia diversa dalle altre… – Appunto! Figliolo, usa il cervello, guardati attorno. Non vedi che sono tutti a testa bassa? Solo se ti mettessi a correre o ad urlare ti noterebbero. – Non capisco… e quindi? – Quindi sei già nascosto. Resta qui, accanto a me. Nessuno guarderà i propri simili se non fanno altro che esistere. Magari se avessi avuto la pelle d'un verde scuro, ti avrebbero già catturato. – Ma come fanno a non vederci? – Non è che non ti vedono. Non trovano una buona ragione per farlo. Stai bene, sei uguale a tutti gli altri, non sei strano, non hai niente di curioso. Non hai niente per cui valga la pena distrarsi da se stessi. – Ma è brutto cosi. – Lo so. Ma se sei tu a guardarti intorno, secondo me qualcuno di interessato a te, nascosto come te, lo riesci a trovare. #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #rane

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– Un sacco di volte ho desiderato un rifugio tutto mio, nascosto, immerso nel silenzio della natura. Un luogo in cui godermi i profumi, i colori, la pace, i dialoghi a me estranei degli animali, e in cui poter chiudere gli occhi per allontanare tutti i problemi, le preoccupazioni, le voci degli esseri umani. Una mia grotta per trascorrere un'ora senza pressioni, fretta, ansia da prestazione, obblighi sociali a cui non ho mai creduto. E non doversi nemmeno giustificare, o dover trovare una scusa per spiegare il proprio bisogno di isolamento temporaneo. Un momento per stare con sé stessi. È chiedere troppo? #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– Genitori e figli si assomigliano sempre, ma qualcosa che li differenzia permane, ed è qualcosa che a volte li fa allontanare. Muriccioli che si possono scavalcare, finte barriere alla comunicazione, il desiderio di essere unici, o quantomeno vivi sulle proprie gambe. Cosi quando ci chiedono a chi assomigliamo di più, non sappiamo rispondere. Non ci abbiamo mai guardato. La verità è che assomigliamo a entrambi, anche quando non si vede dagli occhi, dal viso o dal colore dei capelli. In fondo è genetica. #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #fiori #giardinobotanico

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– In mezzo ad un mazzo perfetto, un fiore s'è accartocciato su se stesso, morente. Ma in pochi lo avranno visto, nessuno si è preoccupato di toglierlo, perché la bellezza di tutti gli altri è troppo grande per essere messa in secondo piano. Succede anche tra gli uomini, non credete. Quante volte la persona diversa, quella un po' strana, quella che soffre in silenzio è stata messa da parte? Quante volte è difficile farsi ascoltare, solo perché non si ha il sorriso sulle labbra? Quante volte ci si dimentica di chi sta male, perché la vita frenetica e le compagnie viaggiano veloci, e noi corriamo, scappiamo dai problemi, ci dimentichiamo di tutto. Tra di noi ci sono tanti fiori accartocciato su se stessi, specie in questo periodo oscuro. E allora forse dovremmo guardarci intorno, porgere una mano a chi è in difficoltà, offrire aiuto a chi lo chiede a testa bassa per paura di disturbare. #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– Ehi, umano, che cosa vuoi? Non lo vedi che sto bene, qui da solo, nei miei spazi nascosti e nel mio silenzio? No, non è affar tuo. Calpesta queste piante e ti graffio. In mezzo alla rugiada mi rinfresco, nell'ombra mi proteggo, e un raggio di sole sottile mi scalda il pelo. La pace dei sensi. E tu vieni qui a violare il mio riposo, a rompere quest'aura magica che mi sono costruito, e per cosa? Una carezza? Fammi 'sta carezza. Da tempo non ne ricevo una… Però sto bene. Ecco, un po' mi manca poter tornare a casa, trovare cibo, coccole e giocattoli, ma anche per noi gatti la vita è imprevedibile, sai? Un giorno sei lì, e il giorno dopo sei in un giardino, da solo, ad aspettare che qualcuno ti noti e ti faccia una carezza. Grazie, umano, so che a volte sembriamo ingrati, ma proviamo tanto amore, tanto amore tenuto dentro, perché per noi è l'abitudine la sola dimostrazione possibile. Grazie della carezza. La prossima volta potresti portare anche qualche croccantino? #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #gatto

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– "Sopra la panca la capra campa, sotto la panca la capra crepa". E chissà, secondo il proverbio, cosa accade se una panca non c'è… Probabilmente un bambino allungherà il braccio oltre la rete, con una foglia d'erba strappata dal prato, e la capra, timorosa, si avvicinerà alla sua manina. Nasce così il rapporto tra uomo e animale, dal richiamo del cibo, e da un istinto di sopravvivenza che spinge a collaborare. In fondo ci si spartisce un mondo, e le leggi della natura non fanno sconti a nessuno. Ecco perchè li dividerà sempre una rete, a volte un muro, altre volte una distanza incolmabile. Ecco perché sarà sempre una comunicazione a metà. E ci inventiamo proverbi per giocare, ma un tempo gli dei avevano forma animale, e noi più rispetto delle loro vite. #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #capre

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– Quando ho troppi pensieri, quando mi circonda troppa gente, quando i rumori mi rimbombano nella testa, tutto quello di cui ho bisogno è un posto tranquillo. Un angolo di paradiso, lo chiamo. Dove non c'è nessuno, dove nessuno mi può raggiungere, dove non prende nemmeno il cellulare, e posso liberarmi dall'ansia di essere sempre connessa con mondo. Mi basta isolarmi in quell'angolo tutto mio, respirare, magari chiudere gli occhi, e ascoltare il silenzio che appena interrotto da impercettibili rumori. Che so, una foglia secca, un'onda del mare, un uccello che pigola tra i rami. Mi riempio di quella pace, e improvvisamente tutta la rabbia, la confusione, l'insofferenza spariscono. Perché è poca cosa davanti alla meraviglia dell'universo, e farne parte è un privilegio che non va sprecato. Ci saranno sempre quei momenti in cui vorremo fuggire, andare fin sulla luna per non affrontare questa realtà, ma a volte basta semplicemente chiudere una porta. Lasciare fuori tutto. Riempire una valigia e imbarcarla su un treno, da sola. Funziona, perchè il principale responsabile del nostro umore, siamo esattamente noi. #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #panorama

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.