Viaggio a Ischia attraverso immagini – Parte tre

View this post on Instagram

– Wow, un albero con le spine. Pensavo che fossero una prerogativa delle rose, e invece guarda, guarda come la Natura prova a difendersi, guarda come si serve dei suoi alberi e dei suoi fiori, insegnandoci che non serve per forza un colpo mortale. Chi coglie una rosa, non presta attenzione e si punge, impara una piccola lezione. E chi pretende di toccare con mano le spine dell'albero, impara un'altra piccola lezione. Moniti nascosti, buffe insidie, come le trappole che i topi ormai riescono ad aggirare. E allora ci rimane soltanto la meraviglia, il miracolo che la Natura ha compiuto, l'amore per il creato che l'ha portata a difenderlo, anche con qualche spina pungente. Noi che abbiamo creato pistole in grado di uccidere, se potessimo tornare indietro, non preferiremmo armarsi tutti quanti di rose? #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #rose #natura

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– Ho infilato il naso tra le piante, volevo spiare da vicino quella vita nascosta, quei fiori bellissimi che colorano le aiuole, e gli insetti che danzano nel silenzio, facendo la corte a chi da offrire ha soltanto un po' di polline. Ed è stato strano, perché in mezzo al verde ho scoperto il continuo miracolo della Natura, che dona al mondo tante piccole opere d'arte, e le nasconde per proteggerle, perché l'uomo tante volte ha provato a portarle via. Ma come si può rubare una vita? Strapparla da terra, privarla della linfa e dei suoi colori, recidere il suo stelo e farla morire in un vaso? È crudele. Ma ci sono prati incontaminati in cui è possibile infilare il naso, inebriarsi di quel profumo di primavera, e comprendere quanto il mondo che ci circonda sia prezioso. #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #fiori #giardinobotanico

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– Non sei mai stata amante dei fiori. Avresti gioito per una sigaretta infiocchettata, ma per un fiore? Forse lo avresti guardato, posato su un tavolo e lasciato seccare. Non te ne ho mai regalato uno. In effetti, non ti ho mai regalato nemmeno quella sigaretta infiocchettata. Semplicemente non ho mai avuto coraggio. Ma in quel fiore mancato ci sarai per sempre tu. Come una storia a cui manca il finale, il massimo che ho potuto offrirti è stata una matita per scrivere. Ma t'immagini se fosse stato un fiore? Con lo stelo rigido, ma gli stessi brillanti colori. E quel profumo intenso che fa prudere il naso, e che avvolge l'aria per ore, lo avremmo respirato insieme, e per un unico impercettibile momento avremmo condiviso una forma di vita. Non è mai successo. Ma non è proibito immaginarlo, a distanza di anni, perché tu sei stata la prima persona a cui io abbia mai desiderato di regalare un fiore. #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #fiore #giardinobotanico

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– Ogni gabbia ha la sua piccola porticina. E non sempre serve una chiave, non sempre c'è una serratura. A volte basta rispettare una regola. Non fare niente. Aspettare. Aspettare che quella porticina possa essere aperta, e che tu, lì dentro, possa essere pronto ad affrontare il mondo fuori. Possono servire ore, giorni, o settimane. E quella gabbia ti sembrerà sempre di più una gabbia, sempre di meno una casa, ma il segreto per vivere, e non limitarsi a sopravvivere, è smetterla di guardare fuori dalle sbarre come farebbe un detenuto. Perchè le ricchezze più importanti non sono fuori, sono dentro di noi. #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #pappagallo #gabbiaperuccelli

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– Mi ricordo che ero solita portarti un rametto di orchidee, anche se durava poco, anche se al sole si seccava presto. Ho sempre pensato che ti piacesse. Emanava un profumo dolcissimo, e chissà, forse anche tu sei riuscito a sentirlo. Non siamo mai andati a raccogliere le margherite, e a fare il gioco m'ama-o-non-m'ama strappando i petali uno alla volta. Ti ho perso troppo presto, e quelle poche volte in cui sono venuta a trovarti, non ti ho portato altro che un rametto di orchidee. Ma io ti vedo così, da sempre, con i fiori in mano e un sorriso, e non potrei mai cambiare l'immagine che ho salvato di te. #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #orchidee #giardinobotanico

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– Si può comporre un quadro. Si può fare con ciò che si ha tra le mani. A grandezza naturale. Con quei fiori che Van Gogh dipingeva. Si potrebbero sistemare davanti alla tela, o non sistemarli affatto, e fotografarli così, nell'atto della loro invisibile respirazione, più vivi che mai, e fragili come sculture di cristallo. Sarebbe un quadro non-quadro. Un inganno? Ma in un rettangolo di carta ci sarebbero i nostri fiori, immobili, immortali, così come li abbiamo visti nel tempo d'un battito di ciglia. Non è forse questa un'opera d'arte? #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #fiori #orchidee #giardinobotanico

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

View this post on Instagram

– La voliera sembrava tanto minuta a noi, e tanto grande per quei piccoli uccelletti in volo. Potevano comodamente stare nella mia mano. Giravano intorno squittendo come scoiattoli, volando da un ramo all'altro, e riconoscendo fuori da vetri la loro vecchia foresta. Ma quelle casette di legno erano il loro rifugio, la loro nuova dimora, il punto di riferimento a cui tornare, anche dal ramo più lontano della voliera. Non potevano uscire, e per poco non si scontravano sfiorando il soffitto con la schiena. Mi facevano tenerezza, perché la loro inconsapevolezza, forse, li ha portati a credere che fosse anche quella una foresta. Ma era utto artificiale. Tranne il legno, tutto era stato costruito per loro. E allora mi viene da pensare a noi, che spesso siamo portati ad allontanarci, a strappare via le nostre radici, a partire senza sapere se mai ritorneremo. Noi siamo forse come quegli uccelletti nella voliera? Riconosciamo il mondo esterno come il nostro, abbiamo acqua e cibo in abbondanza, una casetta in cui abitare, ma non siamo nati lì, la nostra famiglia non è lì, i nostri più lontani ricordi non sono di lì. Eppure ci stiamo bene, perché abbiamo avuto altre occasioni, seppur diverse, per costruirci una vita. Ci dovrei riflettere… #writing #scrittura #blog #quotes #post #scritturacreativa #citazioni #pensieri #photography #photographer #photo #nature #fotografia #foto #canon #ischia #voliera #giardinobotanico

A post shared by Penny (@_ilmondodelleparole_blog) on

Un pensiero su “Viaggio a Ischia attraverso immagini – Parte tre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.