Il nuovo capro espiatorio

Prima erano i migranti, poi erano i cinesi, dopodiché erano i runner, poi i milanesi, poi ancora Bill Gates, e di nuovo i migranti, poi la Germania, l’Unione Europea…

Oggi sono le statue.

Ma come siamo passati dall’accusarci l’un l’altro per tutti i mali del mondo, al perseguitare statue di persone morte rivendicando colpe commesse anni addietro e già scritte sui libri di storia?

Adesso ci fanno più paura i morti dei vivi? Ci fa più paura il passato del presente? Ci stiamo accorgendo di quello che siamo stati, e che forse continuiamo ad essere?

11 pensieri su “Il nuovo capro espiatorio

  1. L’ignoranza impera, ma credo che molto veleno sia stillato dai personaggi politici odierni. La situazione non aiuta, quando si ha fame si crede a qualunque cazzaro verde .

Rispondi a claudio chiaramonte Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.