Il profumo dei prati

Lo riconosco in un attimo di concentrazione

Pungente e fragile, spostato dal vento

Il profumo dei prati viventi d’agosto

E dei suoi fiori sbocciati a primavera

Profumo dei colori puri a macchie su tela

Come insetti impazziti senza meta

L’odore delle rinascite dall’erba tagliata

Dei gambi spezzati dal ciclo della vita

Respiro un profumo di prato felice

Pestato dagli zoccoli di tori e cavalli

Maggese brucato dai palati più fini

E il polline dispero come polvere di sale

Riconosco il profumo di lacrime salate

Capi chini a pregare sotto il sole

Palloni persi a rotolare verso il fiume;

Su quel prato è il continente primo

Che profuma di tutto e poi di te

Luogo amato e mia culla da bambina:

Oggi sei un tappeto raso

Domani un bosco in un vaso

[Ricordo del 2018]

2 commenti Aggiungi il tuo

    1. Ehipenny ha detto:

      Eh si, che ricordi..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.