Sognare

“Se hai sogni irrealizzati, prova ad analizzare le tue scuse. Diciamo che le cose sono impossibili, quando la realtà è che sono molto scomode

(Andrew Matthews)

E’ facile sedersi su di una panchina aspettando il tramonto, godere di ciò che abbiamo come se fosse tutto abbastanza, una briciola che le formiche portano con orgoglio fino a casa, e noi? Noi ci accontentiamo. Capita, quando non si trovano le energie per lottare, quando il traguardo pare irraggiungibile, quando qualcuno ci afferra per le spalle e ci convince che non ne vale la pena. Disillusi, ci abbassiamo alla sicurezza, alla bolla di vetro triste e senza rischi, navigante anche nel mezzo dell’oceano. Ma non siamo forse noi a dover decidere? Non siamo forse noi a stabilire quando ne valga davvero la pena e quando lottare? Forse sbagliamo, quando pensiamo che crescere significhi smettere di sognare, sentirsi circondati dall’impossibile su cui viaggiano i bambini, costretti al sacrificio, ad una vita che non del tutto ci appartiene, e perché? Perché ci dicono così, perché lo vuole il mondo, lo vogliono i nostri genitori, lo vogliono i nostri amici. Non lo vogliamo noi. E non è facile. E’ scritto tra le nubi che non è facile scegliere. Ci viene posto un bivio, da un lato la certezza, dall’altro il buio, e a nessuno importa se siamo anime notturne. Forse perché non se ne vede la fine, forse perché dicono sia piena di pericoli, e in fondo vi sia la possibilità di cadere, o di perdere la battaglia e vivere una vita infelice. Rischi. Opportunità, di vincere e di fallire. Nessuno può prevederli, e spesso è la speranza di, un giorno, conoscere già le risposte che ci spingono ad abbandonare quei sogni impossibili in un cassetto. Forse non lo sapremo mai, forse moriranno con noi, repressi e inconfessati. E quante volte ci prenderanno in giro per i nostri sogni un po’ bizzarri, quante volte saranno gelosi della nostra pura capacità di desiderare,e cercheranno di afferrarci per le caviglie e trattenerci per terra, in un mondo schietto e materialista che potremmo cambiare. In pochi ce la fanno. In pochi hanno il coraggio di sognare fino in fondo. E non importa se sarà servito a qualcosa o se il mondo brinderà dinnanzi alla sconfitta, in coro, “e lo avevo detto”. Non è questo che conta, perché c’è sempre una seconda possibilità, e poi una terza, una quarta, e così via. Ma bisogna saperle coglierle. Bisogna rischiare.  Bisogna trasformare l’impossibile in qualche cosa di afferrabile.

Niente che abbia valore è facile. Ricordatelo

(Nicholas Sparks)

Anzi. Quanto più è difficile, tanto più valore possiede. Costerà fatica, impegno, sacrifici, tempo, altri progetti, altri sogni messi da parte, e forse l’unica cosa che non dovrà essere pagata come prezzo sono le persone, perché quelle importanti, quelle che ci vogliono bene davvero, ci saranno anche durante il cammino in salita, pronti anche a togliersi le scarpe e darle a noi. E’ possibile che sia una follia. E’ possibile che ci faccia solo del male. Ma sono certa che qualcosa, o qualcuno, sarà sempre accanto a noi. Meglio il rimorso, del rimpianto per non aver mai tentato. Meglio piangere, piuttosto che vivere col peso di tutti quei dubbi irrisolti, quelle domande senza risposta, quelle azioni senza conseguenze. Ed è bello crederci, credere nella possibilità di realizzare qualcosa di concreto, davanti agli sguardi ciechi di tutti quelli fermi a guardare, come gli anziani attorno ad un cantiere, criticando il coraggio e chiamandolo pazzia. Ebbene, son qui per dirvi: siate pazzi, più che potete, pazzi nel più profondo dell’anima, perché nessuno vi restituirà i giorni persi ad indugiare. Dobbiamo crederci noi, non gli altri. Dobbiamo essere convinti noi, non gli altri. Dobbiamo sognare noi, non gli altri. E sarebbe bello poterlo insegnare, ma per questo forse, servono i bambini… Loro sono i migliori sognatori.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Micio Alpha ha detto:

    Sogno la Penny 💘

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.