Visione sentimentale

Si parlava, e la mia migliore amica, quella che mi conosce più di chiunque altro, mi ha detto una cosa. Mi ha fatto notare quanto sia raro che io mi trovi subito bene con una persona, che mi senta in confidenza dopo poche ore, che riesca a costruirci un legame. È vero. Mi è successo pochissime volte, forse si contano sulle dita di una mano. La prima di queste è stata con lei. E di recente mi sono aperta come un libro con altre due amiche. Ecco, forse ho già terminato la lista. Non voglio dire che ho soltanto tre persone vicine, ma che soltanto con loro sono riuscita ad abbattere i muri attorno a me con un colpo secco. Solitamente ho bisogno di tempo, molto più del normale, un tempo che mi fa dubitare, un po’ di tutto, un tempo che mi intimorisce, perché ho spesso paura di non piacere, un tempo che a volte perdo di vista, e allora addio. Quante persone ho lasciato andare, perchè proseguissero per la loro strada ed io per la mia. Quante persone hanno ascoltato i miei silenzi prima di sparire. A quante persone ho chiesto tacitamente pazienza, perché per aprire i miei portoni devo liberare mille lucchetti. Non voglio dare unilateralmente una colpa, molte amicizie vanno e vengono, poche rimangono, e si rafforzano, ma saprei dire perfettamente chi vorrei al mio fianco per sempre. Forse non sono solo chiusa, sono sensibile, selettiva, più complicata degli altri. Per liberarmi dalle catene ho bisogno di aiuto, da sola non ci riesco, mi incastro, mi blocco. Ma quando mi sai prendere, quando mi coinvolgi con un sorriso, quando mi trascini nel tuo mondo come se fossi lì da sempre, io ti do tutto. È una differenza sostanziale, sapete? A volte le persone mi guardano, mi guardano e basta, aspettandosi che io bussi alla loro porta, che mi faccia strada da sola e mi accomodi sul loro divano. Ma io non sono così, non ci riesco. Io sto bene con quelle persone che mi cercano, aspettano il suono del campanello, spalancano il portone e mi fanno entrare con un gesto. Sarà tutta una questione d’istinto, non sono mai riuscita a spiegarmi il perché di certe mie remore, e quei tentativi di sentirmi a mio agio per forza, falliti miseramente nella sensazione d’esser fuori posto. Non sono mai riuscita a spiegarmi quelle due facce di me stessa, un forziere chiuso e un cucciolo in cerca di affetto, chissà che cosa emerge prima, chissà quale impressione avranno gli altri di me. Eppure c’è una cosa. Una banalità. Quando mi trovo subito bene con una persona, non la lascerei andare per nulla al mondo. Perchè è una sensazione bellissima, tanto rara ma tanto preziosa, è la sensazione di essere stata capita, non so come e non so quanto, la sensazione di essere stata come raccolta, cucciolo in cerca di affetto, e accolta in una nuova casa. È raro che mi succeda. Ma forse è proprio per questo che sono occasioni così speciali. Basta pochissimo, anche solo un paio di ore. Me ne accorgo ascoltandomi, sentendomi parlare senza timori, guardandomi andare incontro alle situazioni nuove che prima mi avrebbero fermata, e cercare magari uno sguardo, un gesto, che prima mi avrebbero imbarazzata. Lo so che è come se complicassi tutto, anche una cosa bellissima quale è l’amicizia. Ma è raro che io la riconosca subito, che mi ci butti a capofitto senza paura, che perda gran parte della mia timidezza per strada. È raro che abbia il coraggio di coltivare qualcosa di nuovo, eppure è bellissimo. Non è come conoscere tizi qualunque, stringere loro la mano e dimenticarsi il nome due secondi dopo. È sentirsi accettati, apprezzati, uniti, ed è uno dei momenti di gioia più grandi. Io, poi, non lo faccio capire mai. Ci provo, provo a esserci, a stare vicino, con una parola o con un messaggio. E sorrido quando mi dicono che è stata una bella serata, che dovremmo organizzarla di nuovo, che anche loro sono stati bene come sono stata bene io. Avete presente quando da bambini si faceva amicizia con niente? Bastava andare al parco con la bicicletta, o al mare, sotto l’ombrellone, e subito si finiva a correre per i prati e a costruire castelli di sabbia insieme. Ecco, quella è la sensazione. Quella lì, di semplicità, di felicità fortuita, perché il caso ha voluto che due anime compatibili si incontrassero. Come quando hai davanti cinquemila pezzi di un puzzle, e buttando la mano trovi due tessere che combaciano. È raro, ma vuoi mettere il valore di quel momento a paragone con tutti gli altri? Non scherzo se dico che è speciale. E in un certo senso sono contenta che sia così, che le persone importanti per me siano quelle poche ma buone, come vuole il detto, e che non sia solo un’affezione unilaterale, ma qualcuno mi definisca amica con lo stesso significato che vi attribuisco io. Succede di rado, non possiamo certo piacere a tutti, figuriamoci essere ascoltati e compresi, quando tutti vanno di fretta o sentono di avere già tutto il necessario. Io sono blindata, protetta da un muro di cinta difficile da abbattere. Sono complicata, perchè ogni porta ha la sua combinazione per poter essere aperta. Sono forse rara, anche se questo è scritto nella definizione di dna. Non è facile farmi sentire a mio agio, c’è anche chi ci ha provato invano, perché io non sono riuscita ad uscire dal guscio. Ma qualcuno di rado ci riesce, regalandomi tanti bei momenti, tante occasioni, e tanti nuovi sorrisi da regalare a qualcuno.

Che visione sentimentale dell’amicizia!, dirà qualcuno.

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. Micio Alpha ha detto:

    Regaliamo tutto alla Penny!

      1. Micio Alpha ha detto:

        😍😍😍💘

  2. Giuliana ha detto:

    È solo questione di carattere, sei molto sensibile ed hai bisogno di percepire in chi ti sta di fronte qualcosa che ti rassicuri, che ti faccia sentire al sicuro

    1. Ehipenny ha detto:

      Penso sia proprio così 😘

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.