La canzone vincitrice di questo 69° festival di Sanremo

A parte che Mahmood mi sembra molto mammut. A parte che con la camicia aperta e la maglietta sotto sembrava un quindicenne scappato di casa. A parte che probabilmente realizzerà il tutto tra un paio di settimane, perché non mi è parso molto cosciente di dove fosse e cosa stesse accadendo. Mi permetto di dire che sono delusa da questo trionfo dell’autotune al festival della canzone italiana. Ero delusa per averlo portato sul palco, figuriamoci. Per me è un delitto dare il premio a chi sembra un robot. Che poi il problema vero non è quello: è che non capisco. Non so se sono io che ho dei limiti interpretativi, ma la maggior parte dei testi mi sembrano dischi rotti che si impallano, soldi soldi soldi come va come va come va. Una profondità che mi commuove. Ma del resto l’Italia ha votato, la giuria ha votato, all’Eurovision porteremo questo elemento, lasciando a casa testi profondi come quelli di Silvestri e Cristicchi, premiati ma non vincitori. Anzi, la giuria ha ribaltato il risultato, un po’ come Alessandro Borghese in 4 ristoranti: il pubblico aveva votato Ultimo, dominava con trenta punti percentuali in più di Mahmood, 46% contro 14%, e invece. Invece ha vinto un presunto immigrato egiziano che però è nato e cresciuto in Italia, forse perché un messaggio politico pensiamo di darlo solo così, non alle urne ma al festival di Sanremo, o forse perché vogliamo fingere che l’Italia sia al passo con i tempi almeno a livello musicale. Beh, per me hanno vinto gli altri: Silvestri, Cristicchi, Enrico Nigiotti. Loro e Loredana Bertè, che ancora continua a calcare i palchi e sollevarsi la gonna come se avesse vent’anni.

Per mettervi a conoscenza di chi rappresenterà l’Italia all’Eurovision Song Contest, a voi il testo di Mahmood, “Soldi”:

In periferia fa molto caldo

(In centro invece c’è aria fresca)
Mamma stai tranquilla sto arrivando

(Vuol dire che sono ancora in doccia)
Te la prenderai per un bugiardo

(Con* un bugiardo, analisi logica)
Ti sembrava amore era altro

(Odi et amo)
Beve champagne sotto Ramadan

(A breve mi sa che lo fanno fuori)
Alla TV danno Jackie Chan

(Cambio canale)

Fuma narghilè mi chiede come va

(Una sigaretta no?)
Mi chiede come va come va come va

(Ho capito, non insistere!)
Sai già come va come va come va

(Allora cosa lo chiedi a fare?)
Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai

(Mamma mia, che fiducia immane)
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei

(Hai cercato nell’enciclopedia?)
È difficile stare al mondo quando perdi l’orgoglio

(Avevo letto orologio, in effetti senza l’orologio è dura)

Lasci casa in un giorno

(Avrai dimenticato sicuramente lo spazzolino)

Tu dimmi se

(SE)
Pensavi solo ai soldi soldi

(Il mio tesssssoro)
Come se avessi avuto soldi

(In realtà non c’ho una lira)
Dimmi se ti manco o te ne fotti

(Diciamo che stavo bene anche senza)
Mi chiedevi come va come va come va

(Ma come vuoi che vada!)
Adesso come va come va come va

(È passato un minuto, va ancora bene)
Ciò che devi dire non l’hai detto

(È la legge sulla privacy)
Tradire è una pallottola nel petto

(Dell’altro)
Prendi tutta la tua carità

(E dove la metto? In valigia?)
Menti a casa ma lo sai che lo sa

(Mi crescerà il naso come a Pinocchio)
Su una sedia lei mi chiederà

(In confessionale?)
Mi chiede come va come va come va

(Ma basta, ti ho detto che va bene!)
Sai già come va come va come va

(Allora cosa lo chiedi a fare?!)

Penso più veloce per capire se domani tu mi fregherai

(Una grande dimostrazione d’affetto)
Non ho tempo per chiarire perché solo ora so cosa sei

(E non hai tempo perché c’è Uomini e donne in TV?)

È difficile stare al mondo quando perdi l’orgoglio

(Io continuo a leggere orologio, per me è fondamentale)

Ho capito in un secondo che tu da me volevi solo soldi

(Bastava sposarsi un calciatore)
Come se avessi avuto soldi

(Non sai neanche scegliertelo ricco…)
Prima mi parlavi fino a tari

(È una città?)
Mi chiedevi come va come va come va

(Ti dicevo bene bene bene)
Adesso come va come va come va

(Male male male)
Waladi waladi habibi ta’aleena

(Hsicjwbsicbeuaosbdiwn)
Mi dicevi giocando giocando con aria fiera

(Sulla giostra per bambini)
Waladi waladi habibi sembrava vera

(Nessuno lo aveva messo in dubbio)
La voglia la voglia di tornare come prima

(Con quella rompiballe che mi chiede come va? Anche no)

Io da te non ho voluto soldi…

(Ma per forza, è lei che li voleva da te)
È difficile stare al mondo quando perdi l’orgoglio

(Anche se perdi le chiavi di casa non è una passeggiata)
Lasci casa in un giorno

(Ah certo, la porta non si sfonda con due calci)

Tu dimmi se

(SE)
Volevi solo soldi soldi

(Il mio tesssssoro)
Come se avessi avuto soldi

(In realtà non c’ho una lira)
Lasci la città ma nessuno lo sa

(Sei un fuggitivo?)
Ieri eri qua ora dove sei papà

(Se ha lasciato la città sarà altrove, genio)

Mi chiedi come va come va come va

(Anche al telefono?)
Sai già come va come va come va

(E allora vedi come te lo dico: brisa strazèr i maròn! Spero tu capisca il bolognese. Addio)

55 pensieri su “La canzone vincitrice di questo 69° festival di Sanremo

  1. Non ce la faccio: parlare normalmente di quello che è successo genererebbe così tante idiozie da mettere in seria crisi le fondamenta stessa del mio blog.

  2. Non l’ho seguito quindi non posso esprimere un’ opinione, in ogni caso, da ex lavoratrice radiofonica ti posso dire che tutto segue le leggi di mercato.in questo momento va il mainstream perciò tutto si adegua. 😒

  3. Sono riuscito a evitare la manifestazione, ma ho comunque appreso chi ha vinto dai quotidiani e dai voi blogger; se avessi potuto, avrei evitato anche in questi contesti.
    Ok, non mi stupisco che abbia vinto il simbolo dell’integrazione forzata e colui che incarna il futuro dell’italianità che verrà a breve.
    Salaam.

  4. Non che io segua Sanremo (pur piacendomi la musica) ma, qui e la, qualcosa la si vede e la si sente …
    tempo fa sono incappato nella notizia dell’esclusione (inspiegabile) di questa canzone … quindi non posso che essere d’accordo con te …
    ciao

  5. bah, mi dissocio dalle polemiche generali. Ti lascio una battuta non mia, adatta a una della mia età: Addormentarsi con Money dei Pink Floyd e svegliarsi con Soldi è un trauma difficile da reggere. Tu capisci con che musica son cresciuta io e con che musica crescete voi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.