Chiara Ferragni e la stupidità umana limited edition

Per la serie “notizie che fanno scalpore”, con immensa vergogna ma la necessità di dire la mia, affronto oggi una calda tematica che sta affliggendo la popolazione mondiale. Alla faccia dei problemi economici, politici, della fame nel mondo e del surriscaldamento globale, in questi giorni si stanno tutti occupando del caso seguente: le bottigliette di acqua Evian con il nome di Chiara Ferragni stampato sopra, vendute al prezzo di otto euro per mezzo litro. 

Ma ironie a parte, si sono scatenate polemiche a pioggia sul prezzo esagerato, sullo sfruttamento della celebrità, sullo sfoggio dell’anima da influencer che si ritrova, tutte concentrate come enormi sacchi di escrementi sulla testa di Chiara Ferragni. Eppure mi dissocio. Vorrei spezzare una lancia a suo favore, evento più unico che raro, sia chiaro, ma i commenti a caldo hanno bisogno di essere messi in ordine. Primo punto: le immagini di un bimbo in condizioni di misere, di un fiume di fango e una bottiglia d’acqua inquinata, accostate alle foto degli scaffali dei supermercati, con gli otto euro cerchiati di rosso, mi fanno sorgere spontanea una domanda: la sete nel mondo è cominciata oggi? Chiara Ferragni ha privato l’Africa delle sue risorse idriche per confezionare le sue bottiglie? Non è forse accaduto che per secoli abbiamo depredato un continente intero delle sue ricchezze, dei suoi beni e dei suoi territori? 

Secondo punto: limited edition non è la bottiglia d’acqua autografata, limited edition è la stupidità platonica di chi spende otto euro per comprarla, nonostante ci sia dentro la stessa acqua dei ruscelli montani, e la plastica sia la stessa che inquina i mari dell’Italia intera. Limited edition è la stupidità di chi corre a comprarla per avere un cimelio vuoto, con il nome di Chiara Ferragni stampato a inchiostro in carattere Arial. Certo, c’è chi ha talmente tanti soldi, tante Ferrari, tante ville al mare, tanti grattacieli, tanti aerei privati, che della Ferragni si potrebbero permettere anche una piscina olimpionica piena di acqua Evian limited edition. Ma poi ci sono i comuni mortali. Comuni mortali stupidi che la comprano, quando basterebbe prendere un pezzo di carta, stamparci sopra il nome di Chiara Ferragni, e attaccarlo con un pezzo di scotch. 

Ho detto la mia, perché come al solito non riesco a stare zitta, a guardare il globo scatenare una guerra mondiale sui social network, a suon di insulti e commenti ignoranti. Ho detto la mia, e ancora una volta non cambierà il corso delle cose. Probabilmente tra qualche mese inizieranno a vendere il pane morso da Chiara Ferragni, e il suo prezzo lieviterà a cinquecento euro al chilo, limited edition. Perché finché ci sarà gente che comprerà, ci sarà sempre qualcuno di terribilmente furbo che venderà, e che riderà sotto i baffi per averci fregato un’altra volta. Influencer per scelta, ricchi per fortuna. 

26 commenti Aggiungi il tuo

  1. silvia ha detto:

    Hai assolutamente ragione, la colpa non è della Ferragni che, come tutti i cosidetti Vip, cerca di sfruttare la propria immagine nel campo pubblicitario, la colpa è solo di quei cretini che la comprano!

    1. Ehipenny ha detto:

      Esatto! (Avevo dimenticato le immagini nel post, le ho aggiunte ora se vuoi sorridere un po’ 😅)

  2. Mastro Pellecchia ha detto:

    L’imbecillità si scatena su Facebook. Del resto su due miliardi di utenti nel mondo 1 miliardo e mezzo sono deficienti e l’altro mezzo miliardo imbecilli senza speranza, quindi qualcosa deve pur uscire fuori ogni tanto se no si annoiano.

    E non hai visto tutti quegli asini che spendono 1.700 euro per il nuovo iPhone e poi lo massacrano senza pietà per test stupidi e inutili oppure vengono massacrati senza pietà da gente col cervello più assente della particella di sodio dell’acqua Lete proprio perché hanno speso quei soldi, togliendo fuori la solita coglionata trita e ritrita (anche qui) che c’è gente che muore di fame e chi invece butta i soldi per un telefono.

    Ma se ci tieni così tanto alla gente che muore di fame in Africa perché non ti immoli e ti fai mangiare? Almeno sfami qualcuno.

    1. Ehipenny ha detto:

      Oh si ho visto anche quelli che massacrano gli iphone e purtroppo non solo (cibo, chitarre, computer, chi più ne ha più ne metta)…
      Magari si facessero mangiare alcuni! 😁
      (Avevo dimenticato le immagini nel post, le ho aggiunte ora se vuoi sorridere un po’ 😅)

  3. annaecamilla ha detto:

    La stupidità umana non ha limiti, e un pozzo senza fondo. Ma poi la ferragni secondo me è un c..so. Posso essere cattiva e volgare ma l’impressione rimane la stessa. 😱😱😱

    1. Ehipenny ha detto:

      Quando ci vuole ci vuole 😁 (Avevo dimenticato le immagini nel post, le ho aggiunte ora se vuoi sorridere un po’ 😅)

      1. annaecamilla ha detto:

        Visto e commentato😁😁😁

  4. Kikkakonekka ha detto:

    Stupido è chi spende 8 Euro per una bottiglietta da mezzo litro di normalissima acqua.
    Al supermercato acque migliori costano 20 volte di meno (40 centesimi) e con i 7,60 Euro avanzati puoi comperarti una pizza farcita, oppure un libro in formato tascabile, oppure 7 Kg di pasta di marca, oppure ingozzarti con 2 Kg di patatine fritte Pringles.

    1. Ehipenny ha detto:

      Niente di più vero! (Avevo dimenticato le immagini nel post, le ho aggiunte ora se vuoi sorridere un po’ 😅)

      1. Kikkakonekka ha detto:

        Hehe, assolutamente veritiere. Fanno ridere, ma se ci pensi verrebbe da piangere.

      2. Ehipenny ha detto:

        Hai proprio ragione!

  5. si hai ragione, la colpa è di chi compra…ma ci vuole una buona faccia da c…o a proporsi per cose cosi stupide. un saluto e buon pm…ho detto la mia, anche io cosi 🙂

    1. Ehipenny ha detto:

      È vero anche questo, ogni opinione è ben accetta! 😊

  6. annaecamilla ha detto:

    😫😫😫😫😫😱😱😱😱😱🤣🤣🤣🤣🤣🤣

  7. Aida ha detto:

    Ammiro la Ferragni anche se non la seguo, per la sua straordinaria capacità di essersi trasformata in una macchina da soldi. E lo ha fatto facendo leva sull’istinto umano che, senza nulla voler criticare, oggi più di ieri cerca in tutti i modi di dar peso ai propri sogni. Vedi la Ferragni e scopri un mondo apparentemente bellissimo: vestiti, soldi, una favola, tutti dietro, una fama internazionale, milioni di follower in attesa di lei che passa la strada per andare incontro al suo uomo. E poco importa che lei non degna neanche di uno sguardo: basta vederla per immedesimarsi nella sua favola.
    Ora, personalmente non trovo nulla di male nel pubblicizzare e produrre un’acqua a 16 euro al litro (in alcuni alberghi a otto euro ci paghi la versione da 330 ml), nè ci trovo nulla di strano in chi segue la Ferragni. Abbiamo bisogno di sognare, salvo poi renderci conto che la realtà è ben diversa e che con quei 8 euro ci puoi fare altro.

    1. Ehipenny ha detto:

      Certo, abbiamo bisogno di sognare, solo non credo che questi sogni si debbano rispecchiare tutti nell’immagine della Ferragni… si può sognare ben altro nella vita, senza rifarsi a un personaggio costruito ad arte per attrarre e muovere l’opinione della massa… parere mio ovviamente 🙂

  8. illettorecurioso ha detto:

    Concordo con te! Comunque alla fine a quanto pare il prezzo di 8€ è solo alla rinascente, negli altri store costa due euro e qualcosa.

    1. Ehipenny ha detto:

      Ah non lo sapevo! Beh per fortuna 😁

  9. fulvialuna1 ha detto:

    Non commento, ho altro a cui pensare.

    1. Ehipenny ha detto:

      Non fa una piega 🙂

  10. Menti Vagabonde ha detto:

    È sempre la maledetta legge della domanda e dell’offerta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.