11 settembre 2018

il

Nulla può cancellare il dolore di quelle ore, bruciare la polvere e le macerie, rimuovere dalla mente le immagini, dalle orecchie le grida, dagli occhi il sangue ed i corpi feriti, o leggeri come piume a cadere dall’alto della torre.

Si va avanti, sempre, come in questi diciassette anni. Si va avanti senza dimenticare, pensandoci, riflettendoci, informandosi, commuovendosi, pregando, lasciando un fiore.

Nessuno può riportare indietro le torri gemelle, nessuno può riportare alla vita quei corpi inerti e ormai sepolti, nemmeno per pochi minuti, soltanto per chiedere loro scusa.

E allora oggi, come da diciassette anni a questa parte, voglio solo ricordare le 2996 persone che hanno perso la vita, le loro famiglie, i loro amici, i loro cari che ogni anno piangono per loro, su quella mancanza che niente e nessuno potrà riempire.

È come il vuoto lasciato dalle torri gemelle scomparse: si sente sempre che manca qualcosa.

Ma oggi, diciassette anni dopo, riapre anche la fermata del World Trade Center, ed è un altro passo per andare avanti. Senza dimenticare.

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Perseide💫 ha detto:

    Scusa … conoscendo un uomo che si è salvato per un colpo di fortuna … non ne parlo di sule giorno in questo giorno. (Che giro di parole) solo un modo per dirti … ho letto il post. 🙂 ecco i puntini …🤗

    1. Ehipenny ha detto:

      Ah ho capito! Capisco perfettamente 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.