In bocca al lupo ai maturandi 2018

Ebbene, in questa foto c’è il mio liceo. Più precisamente, l’atrio del mio liceo. Ci sono alcuni dei miei compagni di classe, quasi in primo piano sulla sinistra. Forse da qualche parte ci sono perfino io, nascosta all’obiettivo di una macchina fotografica come mio solito. Era il giorno della prima prova: un anno fa. Non so che cosa pensino gli altri, ma a me sembra talmente assurdo che sia già passato un anno, talmente assurdo che a volte quasi non ci credo. È vero che vola. Gli esami, l’estate, il primo anno. Volano. Talmente veloci da non darti nemmeno il tempo di fissare tutto nella memoria. Talmente veloci da farti sentire ancora, a volte, la sensazione di dover studiare. Talmente veloci da sembrare momenti ancora da esplorare.

Per questo vi dico: vivetela. Vivete tutto, la paura, le notti insonni, i libri bagnati di sudore, di spritz e di acqua della piscina, le crisi isteriche, la tesina corretta cento volte, i bigliettini nascosti dentro le scarpe, i suggerimenti furtivi dei professori, la collaborazione con i compagni, i fogli protocollo con il timbro, quelli che sembrano preziosi, il silenzio interrotto dal ronzio del ventilatore, l’orale. Vivete tutto con l’intensità del momento, quella che vi farà tremare le gambe e provare un senso di vertigine spaventoso, ma anche quella che vi permetterà di affrontare ogni ostacolo, saltandolo a piedi pari.

Gli esami di maturità volano. Non sono niente in confronto a tutta la vita. Niente davanti ai cinque anni del liceo già lontani, niente davanti al futuro da scrivere. Gli esami di maturità sono una parentesi graffa in un discorso molto più ampio, e i professori lo sanno. Non fidatevi quando vi dicono che starete male, che studierete giorno e notte mangiandovi le unghie, che non uscirete più di casa. Non è questo.

Io vi dico: vivetela. Senza stress, senza paranoie, senza inutili ansie. Tutto quello che avrete fatto fin’ora sarà lì, sul vostro banco, pronto a dare i suoi frutti. È il primo vero esame della nostra vita, il primo trampolino da cui cominciare un’olimpiade bellissima, il cui premio é la vita che abbiamo sempre sognato di vivere. Merita di restare, come un ricordo speciale intriso nella memoria, un ricordo che racconteremo ai nostri figli quando saranno in ansia, con la testa tra i libri e la tesina, per dire loro che non bisogna avere paura: bisogna viverla.

Gli esami di maturità sono un agglomerato di emozioni uniche. Prima il terrore, poi l’amicizia, poi la circospezione, poi l’adrenalina, poi ancora la fretta, l’ansia, e la soddisfazione, la gioia, la fiducia in se stessi, la felicità.

Sapete, ho conservato la foto dell’atrio della mia scuola proprio per questo. Perché lì, nel caldo di giugno, con le tesine da consegnare in mano, è nato tutto questo. E non importa quale sia il voto finale o le domande perfide dell’orale, perché quando uscirai per l’ultima volta da quell’atrio, sommerso da un abbraccio, dallo spumante o dai gavettoni, proverai quelle sensazioni confuse di gioia e malinconia, indecifrabili all’inizio, ma immortali da allora. Sensazioni universali.

Maturandi, vi dico: vivetela, come un viaggio che ha un inizio ed una fine, e che proprio per questo richiede d’essere assaporato in ogni singolo istante.

Eppure me la ricorderò sempre perché era una notte speciale. Ma io la magia di quella notte, come spesso succede nella vita, non l’ho più ritrovata.

(Luca, dal film Notte prima degli esami)

Una frase copiata e incollata ogni anno da milioni di persone. Ma a me commuove, perché mi sono accorta di come sia dannatamente vero: la magia di quella notte non si vive che una volta sola.

In bocca al lupo a tutti!

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Oggi tra i maturandi c’è mio fratello. 🤗

    1. Ehipenny ha detto:

      Wow bello! Spero sia cominciata bene 😊

  2. giorni memorabili…impossibile dimenticarli!!

    1. Ehipenny ha detto:

      Assolutamente @

    2. Ehipenny ha detto:

      Voleva essere un punto esclamativo 😅

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.