Un mondo all’incontrario 

Ho sognato un mondo all’incontrario, in cui gli autobus arrivavano in orario

In cui le tasse si pagavano in centesimi

Un mondo in cui la musica non era quella di Sanremo

O dei tormentoni estivi

Un mondo in cui tutti scappavano dalla droga

Ho sognato un mondo in cui le donne camminavano accanto all’uomo

In cui l’oceano accarezzava ancora i ghiacci

In cui i deserti lasciavano spazio alle foreste

Un mondo vuoto di grattacieli e torri d’acciaio

Un mondo in cui tutti erano in gara per comprare la bicicletta

E l’auto a impolverarsi nel garage di casa

Ho sognato che in casa dopo le nove non rimanesse mai nessuno

Ho sognato un mondo in cui studiare per il piacere di farlo

Perché tanto il lavoro si trovava, quello giusto e vagheggiato da bambini

Ho sognato che Miss Italia invecchiasse di cent’anni

Che Carlo Conti diventasse bianco latte

Che la regina Elisabetta d’Inghilterra lasciasse il trono

Che Beppe Grillo gridasse per le piazze “SI!”

Ho sognato che il Grande Fratello diventasse cieco

Che l’Isola dei famosi sprofondasse nel mare

Che Facebook fosse solamente il proprio album di ricordi

Che i selfie con il water sullo sfondo divenissero i selfie con il water in primo piano:

Una nuova corrente d’arte moderna

Ho sognato un mondo in cui la pausa sigaretta era rimpiazzata dalla pausa ossigeno

E le discoteche riscoprivano il piacere dei lenti e della musica classica

Un mondo in cui non serviva chiudere la porta a chiave

Stringere la borsa al corpo nei luoghi pubblici

Un mondo in cui il ladro ha smesso di rubare, ed ora dona senza chieder soldi la sua merce migliore

Ho sognato che gli studenti dovessero valutare i professori

Che i raccomandati e i figli di papà rimanessero disoccupati

Che le scommesse divorassero nel peggior caso qualche moneta di cioccolato

Ho sognato un mondo in cui dall’Africa partivan crociere

In cui era l’Europa a scavalcare i mari per salvare quei bambini

Un mondo in cui Trump era sepolto dai suoi averi

Ma gli immigrati non dovevano temere di trovarsi espulsi, improvvisamente rifiutati

Ho sognato un mondo all’incontrario, in cui i politici erano sottopagati

In cui i preti erano veramente poveri come Cristo comandava

Un mondo in cui allo stadio non servivano recinti da animali

Perché il tifo non era mai violento

Ho sognato un mondo in cui i negozi anziché chiudere cominciavano ad aprire ovunque

Un mondo in cui gli ingressi nei musei erano gratuiti

E il cinema distribuiva caramelle a chi sedeva sulle poltrone

Un mondo all’incontrario in cui per parlare si correva a casa di quell’altro

In cui mentire era peccato capitale

In cui si lottava con i gomiti per aiutare

E gli alberghi accettavano tutti i cani, ma di uomini solamente quelli di piccola taglia

Ho sognato che prevalesse sempre la meritocrazia

Che il mestiere del netturbino fosse ammirato e celebrato

Ho sognato treni e aerei gratis, alberghi a poco prezzo pur di sistemar la camera da soli

E le spiagge di Riccione come le Maldive

Ho sognato che i cittadini sparassero ai cammorristi

E chiedessero loro il pizzo

Ho sognato un mondo in cui era facile viaggiare

Senza paure di attentati o sparatorie all’improvviso

Un mondo in cui la satira si accompagnava al senso critico

Un mondo in cui il televisore entrava in crisi, perché a cena non lo guardava più nessuno

E Banderas non parlava più con la gallina Rosita

Checco Zalone si ritirava a pulir le strade con lo spazzone

Leonardo Di Caprio contava e ricontava i suoi infiniti Oscar per la carriera

Ho sognato che dipingere il proprio corpo fino al collo fosse brutto

E i tatuaggi non fossero una moda

Ho sognato un mondo senza guerre, sangue, terremoti o stragi

Ho sognato che la lava servisse da concime

Che i tornado aiutassero a seminare

Ma era tutto all’incontrario, tutto falso, tutto errato

Un auspicio che non smetto di pregare, ma ho sognato che le cose potessero cambiare, ed io ci voglio credere davvero

11 commenti Aggiungi il tuo

  1. Un micio nel Web ha detto:

    Ho sognato la Penny 😀

      1. Un micio nel Web ha detto:

        La Penny in sogno 😀

  2. Petunia Bones ha detto:

    Magari…..

  3. Mariantonietta ha detto:

    tutto ciò che vuoi ma che gli studenti debbano valutare i professori, ti prego no 😀
    Saranno in grado di valutarli un giorno, da adulti.

    1. ehipenny ha detto:

      Era il mio sogno di quando ero al liceo, ho voluto metterlo 😅
      Certo da adulti molto volentieri 😆

  4. familyintrasferta ha detto:

    Magari un mondo così

    1. ehipenny ha detto:

      É quel che dico anch’io 😀

  5. Kikkakonekka ha detto:

    Credo che moltissimo di ciò che hai detto rimarrà, appunto, solamente un sogno.

    1. ehipenny ha detto:

      Temo anch’io…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.