Giorni della merla

La nebbia cangiante, fuliggine bianca, ricopre a mantello le strade, tra i tetti scomparsi, e spezza il respiro di chi si abbandona, con i remi, alla deriva, e opprime le spalle come corpo pesante, senz’ali, e lascia un odore di vuoto, la vita sulla nube più grigia, che forse soltanto con la mano in avanti, a tentoni, si riesce a riempire.

Non è così freddo.

8 pensieri su “Giorni della merla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.