La guerra a diciassett’anni

Diciassett’anni e non sentirli
Imboscate di bambini
In mano una pistola gialla
Proiettili di gomma uccidono
V’è un numero di vite
Una guerra fittizia di giochi
Che ‘nsegna a sparare
E noi che dimeniam la testa
Parole contro la morte
Contro l’odio, contro battaglie
A diciassett’anni è una lotta
Un colpo, una ferita
Per la strada quotidiana
Tutto una risata pia
Uno scherzo perpetuo
E si spara per vincere la guerra
S’impara e si combatte
Ed io mi domando
Spettatrice
Se non sia il sangue anch’esso un gioco

8 commenti Aggiungi il tuo

    1. ehipenny ha detto:

      Grazie di cuore!
      Felice serata :))

  1. erospea ha detto:

    “Se non sia il sangue anch’esso un gioco”… amara domanda che viene proprio dal sangue che bolle vita

    1. ehipenny ha detto:

      Hai interpretato col cuore, e ti ringrazio! :))

    1. ehipenny ha detto:

      Grazie di cuore! :))

  2. Giusy Lorenzini ha detto:

    Vista la violenza che c’è, temo che “quel sangue sia davvero un gioco”…Avrei voluto non dirti questa amara verità, un abbraccio. Giusy

    1. ehipenny ha detto:

      Lo so, purtroppo devo darti ragione…
      Un abbraccio :))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...