Lettera quando un cane se ne va

Fido, ma che è successo? Fino a ieri eri tu a svegliarmi la mattina, quando non sentivo la sveglia, eri tu che mi facevi fare tardi nascondendo le mie ciabatte, eri tu che mi tenevi compagnia durante la colazione. E adesso? Adesso la sveglia non la sento mai, e sono sempre in ritardo. Non ci sei più tu, Fido. Come hai potuto andartene così? Mi manchi troppo, la casa sembra vuota senza di te, senza il rumore delle tue zampe sul pavimento, senza le impronte dei tuoi denti sui cuscini, perchè io ti dicevo di non morderli ma tu non mi ascoltavi mai. Mi manca rincorrerti per farti scendere dal divano, perchè io ti dicevo di non salirci ma tu non mi ascoltavi mai. Mi manca sgridarti quando rovesciavi la ciotola dei croccantini e poi finire a ridere, perchè non potevo essere arrabbiata con te. Mi mancano i tuoi occhi dolcissimi, di quelli che anche la sera tardi, dopo una tremenda giornata al lavoro, mi facevano sentire felice. Mi manca avere qualcuno che mi aspetta sulla porta senza pretendere niente, solo una carezza, la mia presenza, un gesto. Sai, tu mi hai insegnato tanto in questi anni. Mi hai insegnato che si può amare incondizionatamente una persona, che i pregiudizi si possono superare, che non importa chi sia uomo e chi sia cane, perchè la fiducia che li lega è indissolubile. Fido, te ne sei andato presto. Con chi andrò a fare la passeggiata la mattina presto? Chi mi trascinerà, io pigra, lungo il viale? Prima eri tu, ed ora? Non facevamo niente di speciale noi due, nessuno era un eroe, io non miliardaria e tu non cane poliziotto, eppure ci divertivamo tanto io e te, anche solo con una pallina di carta, io te la lanciavo e tu me la riportavi. Non chiedevi nulla, tu. E mi manca ridere con te, stesa sul prato a grattarti la pancia, come ti piaceva tanto. Mi manca farti il bagno nella vasca e schizzarci a vicenda come due bambini. Mi manca quello che si era costituito tra di noi, perché io e te eravamo una cosa sola, anche quando dovevo lasciarti a casa per andare al lavoro. Ti chiedo scusa, Fido, se ti ho trascurato, ma ti giuro che non c’è stata mattina in cui non mi sono sentita in colpa salendo in macchina, e lasciandoti nel giardino davanti all’ingresso, con i tuoi occhioni fissi su di me come a chiedermi “Tornerai vero?”. Fido, mi manchi troppo. Tutto mi ricorda te. Il caminetto. I peli ancora incastrati sotto le seggiole. La pallina che ti divertivi a nascondere dietro le porte. La casa è troppo silenziosa da quando te ne sei andato. È inutile dirti che eri speciale, lo sai, te lo dicevo sempre. Te lo dicevo massaggiandoti dietro le orecchie, come ti piaceva tanto. Vorrei dirtelo un’ultima volta, ma tu non ci sei. Come farò? Sappi, Fido, che non ti dimenticherò. No, non lo farò, perchè mi hai cambiato la vita. Dicevo che non avrei mai preso un cane, che i cani sporcano, fanno casino, sono impegnativi. Fido, come spiegartelo? Che non m’importa se sporcano, se fanno casino, perchè basta guardarli negli occhi per dimenticarsi dello sporco, del casino, basta guardarli negli occhi per provare una voglia di riempirli di coccole. Tu non sei stato un impegno, Fido. Tu sei stato il mio cucciolo, il mio amore, un pezzo della mia famiglia. Non sei stato impegnativo, perchè ti ho amato dal primo momento che ti ho visto, ti ho amato quando mi sei saltato sulle gambe pieno di fango e ti ho amato quando, steso sul lettino del veterinario, cercavi di parlarmi. Io ti ho accarezzato fino all’ultimo, Fido, e ci siamo guardati negli occhi un’ultima volta, per ricordarci, sì, e amarci ancora. Ti voglio bene, Fido. Un bene infinito. E anche se non potrò più accarezzarti, parlarti o giocare con te, te ne vorrò sempre. Addio, Fido.

15 commenti Aggiungi il tuo

    1. ehipenny ha detto:

      Ho cercato di rappresentarlo al meglio 😉

  1. kikkakonekka ha detto:

    “Un giorno rivedremo i nostri animali nell’eternità di Cristo.
    Il Paradiso è aperto a tutte le creature di Dio”
    Parole di Papa Francesco.

    Penny, mi hai commosso.

    1. ehipenny ha detto:

      Grazie di cuore! Papa Francesco non potrebbe avere più ragione :))

  2. Emozioni ha detto:

    Amici veri. Stupenda Penny

    1. ehipenny ha detto:

      Grazie di cuore, davvero!
      Un abbraccio :))

  3. Daniela ha detto:

    è un’amore speciale quello per i nostri compagni pelosi ecco perchè non muore mai e va oltre la loro scomparsa

    1. ehipenny ha detto:

      Una grandissima verità :))
      Un abbraccio

  4. yashalblog ha detto:

    mi sono commosso

    1. ehipenny ha detto:

      Ma grazie! Mi fa piacere sapere che ho trasmesso un po’ di emozione :))

  5. Molto dolce e piena di affetto, ti capisco, io ancora ripenso al gatto che avevo oltre vent’anni fa. Ne ho un altro ora e gli voglio tantissimo bene ma ognuno è speciale per sé

    1. ehipenny ha detto:

      La lettera è per così dire inventata, il cane in questione non è il mio, purtroppo il condominio non ci permette di tenerlo… ma ho cercato di rendere le emozioni che si provano 😉 Ti capisco, mia zia aveva un gatto e ancora oggi confonde il suo nome con quello nuovo 🙂

  6. fulvialuna1 ha detto:

    Mi hai fatto tremare il cuore…

    1. ehipenny ha detto:

      Grazie di cuore, davvero! Non è successo a me, ma ho voluto destinare questa lettera a tutti i cani che se ne sono andati 😉

      1. fulvialuna1 ha detto:

        Allora anche ai miei…grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.