Un improvvisato racconto estivo – Ultimo capitolo 

Un anno dopo…

È estate, e Alice deve ancora finire di chiudere la valigia con i suoi costumi da bagno e le creme solari nascoste nei più remoti angoli del bagno. Qualcuno la aspetta chiuso nell’auto: suo padre. “Ci sei?!”, “Arrivo!”. Aveva diciannove anni, adesso, la patente, un’iscrizione all’università, sempre Marta, sempre i suoi genitori, preoccupati, che la vogliono accompagnare ovunque per paura che faccia incidenti. È sempre lei, Alice. Soltanto una cosa è cambiata: ha una voglia matta di andare al mare, lei lanciare le valige nella camera d’albergo e correre in spiaggia. Prende la valigia e con due mani la trascina giù dalle scale, cercando di non fare troppo rumore. In macchina suo padre la sta aspettando con la radio accesa ad un volume esagerato, mentre trasmettono le classiche canzoni spagnole con tutte le carte in regola per poter diventare i nuovi tormentoni. Ad Alice sembrano identiche a quelle dell’anno passato, ma in qualche modo la cosa la fa sorridere. “Partiamo?”, “Partiamo”. Avrebbe trascorso una settimana in vacanza a Riccione, senza genitori, tra quegli ombrelloni brulicanti di giovani e quelle serate movimentate all’insegna della musica. In questo non è cambiata,  non sopporta la confusione, le discoteche, le folle dense di persone. Ma c’è qualcosa che va oltre tutto questo. Qualcuno. Un ragazzo magrolino dalla carnagione candida e i capelli rossicci, con un guardaroba tutto colorato di verde.  Alice scende dalla macchina e già lo sta cercando con lo sguardo. Immagina che una persona normale gli avrebbe gettato le braccia al collo correndogli incontro. Ma lei è Alice, e lui è Matteo. Lo vede quando già si sta per concentrare sulle valigie, lo vede, vestito di verde, e lo riconosce come si riconosce un vecchio ricordo. Non gli corre incontro, non gli getta le braccia al collo, accenna solo un sorriso enorme che non riesce a trattenere, e intanto si avvicina a lui. Lui fa lo stesso. Si trovano di fronte, e sorridono. Lui le tende la mano così come si erano salutati l’anno passato. “Ciao”, fa lui. “Ciao”, risponde lei, “Ti vedo bene”, “Visto?”. E mezz’ora dopo avresti potuto vederli sulla riva, con i piedi immersi nell’acqua, a giocare a pallavolo. Lui con un costume verde speranza, lei con un costume rosso passione.
Ed una storia che dal nulla è nata, si conclude tra le onde del mare.

Capitoli precedenti:

https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/08/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-primo/
https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/09/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-secondo/
https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/10/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-terzo/
https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/11/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-quarto/
https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/12/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-quinto/

●  https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/13/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-sesto/

● https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/14/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-settimo/

● https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/15/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-ottavo/

● https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/16/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-nono/

● https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/17/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-decimo/

● https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/18/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-undicesimo/

● https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/19/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-dodicesimo/

● https://ilmondodelleparole.wordpress.com/2016/08/20/un-improvvisato-racconto-estivo-capitolo-tredicesimo/

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. therealsadness ha detto:

    Ho preferito aspettare la fine per commentare…
    È molto carina e per nulla sdolcinata, complimenti!

    1. ehipenny ha detto:

      Grazie infinite, davvero! È un racconto come ho già scritto che è nato per caso, ho scritto di getto e non ero sicura di come fosse venuto 😉 Mi fa piacere ti sia piaciuto!
      Un abbraccio :))

  2. SaraTricoli ha detto:

    Sono felice di questa conclusione a un anno dopo… È bello lasciarli in quella spiaggia, felici e con ancora tutta la vita da vivere…
    Ancora tanti complimenti 👏

    1. ehipenny ha detto:

      Ti ringrazio davvero! Hai seguito la storia con i tuoi commenti, e mi ha fatto molto piacere :))
      Un abbraccio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.