Di domenica recupero i Tag – Tu cita io Tarzan

Cosa ci si potrebbe aspettare da un Tag con un titolo del genere? Innanzitutto Romolo Giacani che ringrazio per la nomina, anche se ormai non ricordo più nemmeno a che secolo risalga, sono rimasta parecchio indietro con i Tag.

Allora, potremmo dividere il giochino per categorie: ci sono citazioni dotte, letterarie, politiche, cinematografiche, musicali, tra amici, scrive. Altre citazioni? Sì, avete capito bene. Non ve ne libererete tanto facilmente. Si tratta in realtà di quel giochino che ha imperversato nel lettore di WordPress per settimane, tre citazioni al giorno per tre giorni. Ma questa pare sia diventata una variante. A partire dal fatto che non ci sono regole.

CITAZIONI DOTTE
Chi è causa del suo mal pianga sè stesso

Chi nasce tondo non può morir quadrato

L’umiltà è la corona di tutte le virtù

LETTERARIE
Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e ’l modo ancor m’offende.

Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.

Amor condusse noi ad una morte:
Caina attende chi a vita ci spense
“.
(Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno, canto V)

Mentre questo dicevano tra loro, un cane
che stava lì disteso, alzò il capo e le orecchie.
Era Argo, il cane di Odisseo, che un tempo
egli stesso allevò e mai poté godere nelle cacce,
perchè assai presto partì l’eroe per la sacra Ilio.
Già contro i cervi e le lepri e le capre selvatiche
lo spingevano i giovani; ma ora, lontano dal padrone,
giaceva abbandonato sul letame di buoi e muli
che presso le porte della reggia era raccolto,
fin quando i servi lo portavano sui campi
a fecondare il vasto podere di Odisseo.
E là Argo giaceva tutto pieno di zecche.
E quando Odisseo gli fu vicino, ecco agitò la coda
e lasciò ricadere la orecchie; ma ora non poteva
accostarsi di più al suo padrone. E Odisseo
volse altrove lo sguardo e s’asciugò una lacrima
senza farsi vedere da Euméo; e poi così diceva:
” Certo è strano , Euméo, che un cane come questo
si lasci abbandonato sul letame. Bello è di forme;
ma non so se un giorno, oltre che bello, era anche veloce
nella corsa, o non era che un cane da convito,
di quelli che i padroni allevano solo per il fasto “.
E a lui, così rispondevi, Euméo, guardiano di porci:
” Questo è il cane d’un uomo che morì lontano.
Se ora fosse di forme e di bravura
come, partendo per Troia, lo lasciò Odisseo,
lo vedresti con meraviglia così veloce e forte.
Mai una fiera sfuggiva nel folto della selva
quando la cacciava, seguendone abile le orme.
Ma ora infelice patisce. Lontano dalla patria
è morto il suo Odisseo; e le ancelle, indolenti,
non si curano di lui. Di malavoglia lavorano i servi
senza il comando dei padroni, poi che Zeus
che vede ogni cosa, leva a un uomo metà del suo valore,
se il giorno della schiavitù lo coglie
“.
Così disse, ed entrò nella reggia incontro ai proci.
E Argo, che aveva visto Odisseo dopo vent’anni,
ecco, fu preso dal Fato della nera morte”.

(Il cane di Odisseo – Odissea libro XVII, versi 290-329)

Addio, monti sorgenti dall’acque, ed elevati al cielo; cime inuguali, note a chi è cresciuto tra voi, e impresse nella sua mente, non meno che lo sia l’aspetto de’ suoi più familiari; torrenti, de’ quali distingue lo scroscio, come il suono delle voci domestiche; ville sparse e biancheggianti sul pendìo, come branchi di pecore pascenti; addio! Quanto è tristo il passo di chi, cresciuto tra voi, se ne allontana! Alla fantasia di quello stesso che se ne parte volontariamente, tratto dalla speranza di fare altrove fortuna, si disabbelliscono, in quel momento, i sogni della ricchezza; egli si maraviglia d’essersi potuto risolvere, e tornerebbe allora indietro, se non pensasse che, un giorno, tornerà dovizioso. Quanto più si avanza nel piano, il suo occhio si ritira, disgustato e stanco, da quell’ampiezza uniforme; l’aria gli par gravosa e morta; s’inoltra mesto e disattento nelle città tumultuose; le case aggiunte a case, le strade che sboccano nelle strade, pare che gli levino il respiro; e davanti agli edifizi ammirati dallo straniero, pensa, con desiderio inquieto, al campicello del suo paese, alla casuccia a cui ha già messo gli occhi addosso, da gran tempo, e che comprerà, tornando ricco a’ suoi monti. Ma chi non aveva mai spinto al di là di quelli neppure un desiderio fuggitivo, chi aveva composti in essi tutti i disegni dell’avvenire, e n’è sbalzato lontano, da una forza perversa! Chi, staccato a un tempo dalle più care abitudini, e disturbato nelle più care speranze, lascia que’ monti, per avviarsi in traccia di sconosciuti che non ha mai desiderato di conoscere, e non può con l’immaginazione arrivare a un momento stabilito per il ritorno! Addio, casa natìa, dove, sedendo, con un pensiero occulto, s’imparò a distinguere dal rumore de’ passi comuni il rumore d’un passo aspettato con un misterioso timore. Addio, casa ancora straniera, casa sogguardata tante volte alla sfuggita, passando, e non senza rossore; nella quale la mente si figurava un soggiorno tranquillo e perpetuo di sposa. Addio, chiesa, dove l’animo tornò tante volte sereno, cantando le lodi del Signore; dov’era promesso, preparato un rito; dove il sospiro segreto del cuore doveva essere solennemente benedetto, e l’amore venir comandato, e chiamarsi santo; addio! Chi dava a voi tanta giocondità è per tutto; e non turba mai la gioia de’ suoi figli, se non per prepararne loro una più certa e più grande.” (Alessandro Manzoni, I promessi sposi, cap. VIII)

CITAZIONI POLITICHE
Non esiste una moralità pubblica e una moralità privata. La moralità è una sola, perbacco, e vale per tutte le manifestazioni della vita. E chi approfitta della politica per guadagnare poltrone o prebende non è un politico. È un affarista, un disonesto.”
(Sandro Pertini)

In politica i tempi del sole e della pioggia sono rapidamente cangianti“.
(Giulio Andreotti)

Politica vuol dire realizzare.”
(Alcide De Gasperi)

CITAZIONI CINEMATOGRAFICHE
Dopotutto, domani è un altro giorno
(Via col vento)

Mamma diceva sempre: la vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita
(Forrest gump)

Beh, nessuno è perfetto
(A qualcuno piace caldo)

CITAZIONI MUSICALI
La vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia
(Vasco Rossi, Sally)

Perché se sei felice ogni sorriso è oro
(Tiziano Ferro, E fuori è buio)

Una cosa che ti posso dire è che tu devi essere libero”
[One thing I can tell you is you got to be free]

(Beatles, Come toghether)

CITAZIONI TRA AMICHE
Che due mulini! (In sostituzione a che due palle!, che due scatole! e simili)
Vai fuori dalla finestra! (Tormentone nato dalle prese in giro verso il professore di matematica)
HAHAHAHAHAHAHAHA (Ne invio e ne ricevo una quantità industriale al giorno)

Non nomino nessuno in particolare per questa sfida che ancora stenta a concludersi, ma non potevo certo rifiutare una nomina del genere, non certo io che nelle citazioni ci sguazzo come un delfino dell’oceano. E spero che abbiate tutti superato lo scoglio Manzoniano che vi ho proposto, capisco che certi traumi scolastici siano difficili da superare. Il mio ricordo delle lezioni di italiano è ancora molto fresco…

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. CriticaComunista ha detto:

    Proprio i democristiani dovevi citare? Ahahahaha
    Pertini te lo quoto, bel tag 🙂

    1. ehipenny ha detto:

      Hahaha ho guardato soprattutto alle frasi però 😉
      Grazie!

      1. CriticaComunista ha detto:

        VORREI “LA PENNY DEL GIORNO” COME POST…E’ POSSIBILE? AHAHAHAH

        Ciao Giorgia 😛

      2. ehipenny ha detto:

        Hahaha ma come posso chiamare la penny del giorno sia la frase che l’immagine?? Accetto consigli 😄

      3. CriticaComunista ha detto:

        Immagine della Penny del giorno e Frase della Penny del giorno…è semplice no? 😀

      4. ehipenny ha detto:

        Giusto! Un po’ lunghino però… ho programmato già alcuni di questi articoli quindi il nome lo cambio più avanti, da quando inizio a farne dei nuovi 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.